Pet Therapy: una terapia fatta di attenzioni

Pet Therapy: una terapia fatta di attenzioni

Grazie alla pet therapy, i nostri amici pelosetti non sono più riconosciuti solo come animali da compagnia ma sono impiegati in un ruolo di supporto a livello terapeutico per soggetti con una moltitudine di disturbi psicoficici, in ospedali, carceri, centri psichiatrici e centri di recupero per tossicodipendenza.

È la scienza basata sull’uso co-terapeutico degli animali, con lo scopo del recupero e mantenimento della salute psicologica, sviluppando un rapporto interpersonale tra uomo e l’animale.

Il primo esperimento di terapia con animali domestici risale alla fine del Settecento in Inghilterra, quando per gestire il controllo delle malattie mentali nei pazienti, veniva favorita la cura con gli animali da cortile. La consacrazione reale avvenne successivamente negli Usa, alla fine degli anni Sessanta, inzialmente con il nome di “Animal Assisted Therapy” e poi importata e coinvolta in diverse srutture pubbliche in Italia solo negli anni novanta, con il nome di pet therapy.

In cosa consiste la Pet Therapy?

La pet therapy è una pratica terapeutica basata sul contatto fisico ed emotivo tra paziente e animale, letteralmente “terapia dell’animale da affezione”.

Lo psicoterapeuta Levinson notò che il rapporto affettivo instaurato con l’animale aumentava l’autostima del paziente, alleviandone il disagio psicofisico e facilitando la sua interazione col terapeuta.

Nell’approccio terapeutico zooantropologico, il significato della pet therapy viene associato al beneficio che infonde la relazione tra l’individuo e l’animale, relazione in cui lo scambio di emozioni, rappresenta un sostegno per la persona, aiutadolo ad affrontare un percorso di cambiamento.

L’approccio zootecnico, diversamente, fa emergere una differenza nell’utilizzo dell’animale da parte dell’uomo, ed è su questo che si basa la differenza dei progetti zooantropologici, in cui la presenza degli animali è considerata coinvolgimento e non utilizzo.

L’animale è considerato partner integrante della relazione, evitando la strumentalizzazione, si favorisce un dialogo come valore aggiunto al lavoro di squadra. Le attività di relazione evidenziano effetti calmanti, altre stimolanti, altre ancora decentranti o capaci di aumentare l’autostima: sono in grado di mettere in luce le competenze della persona e aiutano a migliorar la socializzazione e la cura del sé.
La pet therapy con approccio zooantropologico si basa su attività specifiche di relazione con obiettivi diversi in base alle esigenze del paziente.

Benefici della Per Therapy

La pet therapy si pensa agisca in modo particolare sul bambino con comportamenti autistici. Uno dei primi esperimenti risale ne 1953 con lo psicoterapeuta Boris Levinson che gettò le basi scientifiche della nascita della prima “pet therapy”.

Fu dimostrato, in particolare, come i cani aiutino i bambini affetti da autismo, aiutandoli a comunicare e a interagire col mondo, migliorandone le capacità di socializzazione.

La presenza di un animale aiuta a sopportare la solitudine e a ritrovare una ragione di vita, migliorando sensibilmente l’umore e le condizioni psicofisiche: per questo è ideale per le persone anziane che spesso passano molte ore della giornata da soli e per persone che soffrono di depressione.

Il contatto con un cane può aiutare fin da bambini ad aumentare la propria autostima e imparare a prendersi cura di qualcuno, migliorando la salute.

Il cane, con il suo bisogno di concretezza e la necessità di essere in gruppo, ha la capacità di recepire i nostri sentimenti, e spesso diventa uno specchio della nostra emotività. Si stabilisce così un’interazione davvero profonda, che aiuta a sviluppare le dinamiche positive, rilasciando gli effetti benefici della pet terapy.

Questa relazione dona un equilibrio mettendo in sinergia la razionalità e l’aspetto dell’emotività. Aiuta a sviluppare l’autoconsapevolezza spronando all’autoaccettazione di sè.

Euroitalia Pet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *