Errori comuni nell’alimentazione del cane e del gatto

Errori comuni nell’alimentazione del cane e del gatto

 

cane biscottiLa prima cosa che dobbiamo ricordarci è che il cane e il gatto in natura sono animali onnivori e predatori, questo significa, che qualora avessimo scelto uno stile di vita privo di carne, non è opportuno imporlo anche al nostro compagno di vita, per il loro bene.

Anche dal punto di vista etico/morale imporre un tipo di alimentazione innaturale, al nostro animale è in netto contrasto con la nostra scelta di rispettare gli animali.

Successivamente è bene tenere a mente che per quanto bene possiamo volere ai nostri animali, sono diversi da noi, e per questo motivo non possiamo nutrirli con il nostro cibo, anche se spesso loro ne vanno matti, questo perché, oltre a farli ingrassare, potrebbe essere dannoso per la loro salute.

Un piccolo elenco di cibi da evitare è il seguente:

  • Cioccolato: contiene la teobromina che può provocare battito cardiaco irregolare, tremori e nei casi più gravi la morte. Attenzione anche alle bevande che contengono cacao.
  • Aglio e cipolla freschi: possono danneggiare i globuli rossi e provocare un’anemia emolitica. Bisogna dire però che l’aglio, qualora opportunamente processato, è un ottimo alleato nella lotta contro le zecche; una volta ingerito dal cane rende la sua pelle maleodorante, e quindi poco appetibile per il parassita, fortunatamente questo odore è impercettibile per noi. Inoltre l’aglio ha un altra proprietà, è un ottimo vermifugo.
  • Zucchero e dolciumi: in natura i nostri compagni non ne mangerebbero mai, i possibili rischi riguardano la comparsa di problemi a livello dentare e nei casi più gravi al sopraggiungere del diabete, oltre ad un eccessivo aumento di peso. Attenzione però ai dolci in generale, perché quelli senza zucchero contengono xilitolo, che potrebbe causar loro problemi di fegato con conseguenze molto gravi.
  • Uva e uvetta: la cui pericolosità è assodata per i cani, è controindicata anche per i gatti, potrebbe causare letargia, depressione, vomito o problemi renali.
  • Avocado: la corteccia, le foglie, il frutto e i semi di avocado contengono una tossina fungicida nota come persin, che potrebbe causare problemi digestivi ai nostri animali, quali vomito e/o diarrea. Attenti anche ai prodotti che contengono la salsa di guacamole.
  • Ossicini: le ossa in generale sono pericolose per i nostri animali domestici, per i cani è credenza comune che le ossa non causino problemi, ma questo è falso, le patologie che il nostro cane può riscontrare sono stitichezza, e da questa potrebbero risultare emorroidi e ernie da sforzo. Per non parlare poi delle ossa di pollo, quelle sono il male maggiore, perché frantumandosi in piccoli pezzi possono causare occlusioni nel apparato respiratorio o lesioni a quello digerente. Lo stesso vale anche per i gatti.
  • Uova: come per l’uomo, anche per gli animali domestici è sconsigliato mangiare le uova crude, perché potrebbero contenere il batterio della salmonellosi.

Errori AlimentariDetto questo il nostro consiglio è di controllare che il cibo che date ai vostri animali non contenga, o ne contenga in trascurabile traccia, questi prodotti.

Detto tutto ciò viene da chiedersi, come nutrire il nostro animale, con una alimentazione secca o umida? croccantini o scatolette?

Normalmente la scelta tra i due tipi si basa su un principio di economicità o gusti del nostro animale, ma entrambi hanno i loro pregi: da un lato l’alimentazione secca ha il vantaggio di esercitare di più denti e gengive, oltre a deteriorarsi più lentamente, e quindi di poter essere utilizzato anche tramite dispenser automatici qualora ne avessimo la necessità; il cibo umido d’altro canto ha il pregio di contenere all’incirca l’80% di acqua e quindi di aiutare i nostri compagni a mantenere la giusta idratazione.

La giusta risposta è alternare alimentazione umida ad alimentazione secca soprattutto nel periodo estivo poiché gli animali hanno bisogno di integrare i liquidi nel modo più equilibrato possibile attraverso gli alimenti e bevendo poco e spesso; in questo modo sfrutteremo i vantaggi, e ridurremo le inefficienze, di entrambi i metodi alimentari.

Euroitalia Pet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *