Viaggiare con Fido potrebbe non essere così semplice, per vari motivi. Alcuni cani adorano viaggiare in auto (probabilmente, in parte, perché sono stati abituati sin da cuccioli), mentre altri quattro zampe preferirebbero digiunare per giorni e giorni piuttosto che salire su un’automobile. Durante le vacanze estive, però, si sente maggiormente l’esigenza di portare il proprio cane in viaggio, talvolta in auto, talvolta in aereo o in treno. Sono sempre di più, infatti, i bed & breakfast, gli agriturismi e le strutture ricettive disposti ad accogliere i quattro zampe.

TRASPORTO DI ANIMALI: COSA DICE LA LEGGE

Come fare dunque a far vivere a Fido l’esperienza del viaggio nel migliore dei modi? Bisogna innanzitutto tenere presente ciò che stabilisce la legge al riguardo. “È vietato – recita l’articolo 169 del Codice della Strada - il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida. È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore a uno, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo”.

Il trasportino per cani diventa quindi una delle possibilità concrete soprattutto se in auto viaggiamo da soli e non abbiamo la possibilità di farci assistere da un’altra persona. Altre soluzioni potrebbero prevedere l’utilizzo di una rete divisoria rigida (attenzione a valutarne la resistenza, i cani di grossa taglia potrebbero sfondarla facilmente), oppure un’imbragatura di sicurezza che viene collegata alla cintura di sicurezza presente nei sedili posteriori. Anche in questo caso, cani di grossa taglia e non abituati a viaggiare potrebbero provocare danni al prodotto.

ESIGENZE PARTICOLARI? OPTATE PER IL TRASPORTINO SU MISURA

I trasportini, invece, possono rappresentare la soluzione ideale per la sicurezza del cane, del conducente e degli altri passeggeri. Naturalmente, in questo caso sarà importante valutarne la dimensione e la tipologia (esistono trasportini rigidi, semirigidi e morbidi). I primi sono fatti per lo più di plastica e metallo, mentre quelli morbidi sono realizzati con tessuto imbottito. Fanno parte della prima categoria i trasportini per cani in alluminio, per esempio, molto pratici e maneggevoli e facili da pulire. Lo stesso vale per i trasportini in plastica, che presentano il grande vantaggio di non essere permeabili, a differenza di quelli in tessuto che, in una giornata di pioggia, possono diventare un vero incubo.

Inoltre, i trasportini rigidi (in alluminio o in plastica) sono indicati per cani di tutte le taglie mentre quelli in tessuto sono l’ideale se l’animale è di piccola o media taglia e soprattutto se è abbastanza accomodante nei confronti del trasportino.

È anche possibile optare per trasportini doppi (per il trasporto di due animali domestici) o realizzati su misura, in maniera tale che si adattino perfettamente alle dimensioni del cane e del nostro veicolo.

E IN AEREO?

Prima di prenotare il biglietto aereo, è indispensabile controllare accuratamente le regole della compagnia aerea e dell’aeroporto in materia di trasporto di animali. È opportuno informarsi anche in merito alle dimensioni consentite del trasportino (un po’ come avviene per i bagagli a mano e da stiva). È più che probabile, infatti, che il trasportino per auto non sia adeguato per il trasporto del cane in aereo.

Generalmente, in cabina è possibile portare con sé cani di piccola taglia (il limite si aggira intorno ai 10kg), mentre i cani di media e grande taglia vengono fatti alloggiare in stiva. Nel primo caso, dunque, è bene optare per il trasportino da aereo più leggero possibile, naturalmente nel pieno rispetto delle dimensioni reali dell’animale.

Talvolta, soprattutto nel caso del viaggio in stiva, che può rivelarsi un’esperienza tutt’altro che piacevole, il veterinario potrà consigliare dei blandi tranquillanti da somministrare prima del volo, così da rendere il viaggio meno spiacevole possibile.

TRASPORTINI PER AUTO: COME RENDERLI UN ‘GIOCO’

Che si viaggi in auto o in aereo o in nave, importante è abituare l’animale all’utilizzo del trasportino: prima di effettuare un viaggio piuttosto lungo è bene “testare” il trasportino su tragitti brevi per far sì che il cane, con il tempo, inizi a percepire l’ambiente come sicuro e protettivo.

Nel caso di un viaggio su strada, le prime volte può essere utile testare il trasportino al di fuori dell’autovettura (soprattutto se il cane non la vede di buon occhio), facendo sì che l’animale si avvicini spontaneamente al nuovo misterioso “oggetto”, per esempio attirandolo con dei bocconcini appetitosi.

Durante il viaggio in auto, se molto lungo, è importante fare delle brevi soste (ogni 2 ore circa) in modo tale da far uscire il cane dal trasportino per permettergli di sgranchire le zampe e bere un po’ d’acqua fresca. E d’altra parte, un break ogni 2 ore sarà opportuno e utilissimo anche per i bipedi!

 


PayPal

Contattaci

Servizio clienti disponibile 24/7

Telefono:+39 06 90 32 657

Contatta il nostro servizio clienti!

Speciali

Non ci sono offerte speciali in questo momento.